Tortura. La situazione mondiale sta peggiorando

Per migliaia di persone rifugiate in Europa, la citta’ serba di Novi Sad e’ l’ultima fermata prima di arrivare al confine con l’Ungheria, oltre la frontiera dell’Unione Europea che permane militarizzata dopo che da due anni e’ cominciata la crisi dei rifugiati. Per la popolazione serba e’ la memoria viva degli ultimi bombardamenti della Nato contro il regime di Slobodan Milosevic, come ne sono testimonianza i ponti gia’ ricostruiti che, dopo 18 anni, accarezzano di nuovo il Danubio. Related posts / Posts Simili/Correlati: UE, Assistenza Umanitaria: In arrivo 147 milioni…

Read More

Burundi, Rischio genocidio: rapporto Onu

Le violenze in Burundi sono scoppiate nell’aprile 2015 a seguito della decisione del presidente Pierre Nkurunziza per il suo terzo mandato, provocando, sino ad oggi, la morte di almeno 500 persone e la fuga dal paese di altre 250 mila. Il Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani sostiene che incombe un “rischio di genocidio”. Related posts / Posts Simili/Correlati: LA LIBIA NON HA MAI ADERITO ALLE CONVENZIONI DI GINEVRA Mosul, milizie paramilitari torturano chi fugge dal Daesh

Read More

Mosul, milizie paramilitari torturano chi fugge dal Daesh

I civili sunniti in fuga dagli orrori dell’Is, hanno fatto male i loro conti: Una volta consegnatisi nelle mani dei militari, molti di loro sono stati torturati, uccisi e fatti sparire; uomini, donne e bambini. Dal 2016 queste milizie a maggioranza sciita, artefici delle violazioni dei diritti umani, fanno ufficialmente parte dell’esercito dell’Iraq. Conosciute come Unità di mobilitazione popolare, sono da tempo sostenute dal governo iracheno che fornisce loro armi e sostegno finanziario. Related posts / Posts Simili/Correlati: Iraq – Fallujah: catastrofe umanitaria Mosul: elicotteri italiani in prima linea Lotta…

Read More

LA LIBIA NON HA MAI ADERITO ALLE CONVENZIONI DI GINEVRA

  La Libia non ha mai aderito alla convenzione di Ginevra che distingue i due tipi di persone in fuga, agevolando di fatto, durante l’anarchia della recente guerra civile, le violazioni e le torture subite dagli stranieri prima dai trafficanti, poi nelle prigioni libiche. Related posts / Posts Simili/Correlati: Africa, Olio di Palma: produzione distrugge ecosistema UE, Assistenza Umanitaria: In arrivo 147 milioni di euro Sri Lanka, il The Times: denuncia il rapimento di bambini tamil, ad opera di gruppi paramilitari. SUD SUDAN: IN AUMENTO I RIFUGIATI DAL KORDOFAN MERIDIONALE…

Read More

Tibet, Resta irrisolta la situazione dei diritti umani

Nel solo Tibet orientale dalla primavera 2008 ad oggi vi sono state oltre 260 proteste pubbliche a dimostrazione del fatto che i Tibetani non si sono ancora arresi all’occupazione cinese. Negli ultimi venti anni è notevolmente aumentata la quantità delle proteste in Tibet ma sono cambiati anche gli attori delle manifestazioni: se negli anni ’90 dello scorso secolo erano soprattutto monache e monaci buddisti ad accettare il rischio dell’arresto con tutte le sue conseguenze, oggi anche scrittori, intellettuali, registi, contadini, nomadi, cantanti, blogger, commercianti e insegnanti partecipano alle manifestazioni. L’ampio…

Read More