[ITALIA] Banche: no agli sguardi indiscreti nei conti correnti. Garante Privacy

Gli istituti di credito devono svolgere controlli interni, con cadenza almeno annuale, per verificare la legittimità e liceità degli accessi ai dati da parte dei propri dipendenti. Il principio è stato ribadito dal Garante privacy che ha dichiarato illecito il comportamento di un dipendente di una banca che aveva effettuato una serie di accessi indebiti al conto corrente di una cliente. Related posts / Posts Simili/Correlati: Italia, Camera: diventa legge il decreto Ronchi Italia, Otto per mille: I radicali riferiscono che oltre il 45% va alla Chiesa [Comunicato] Centro Italia.…

Read More

Parlamento Europeo approva Umbrella Agreement

Il Parlamento Europeo ha dato la sua approvazione al cosiddetto Umbrella Agreement, accordo negoziato tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti d’America per garantire la sicurezza dei dati personali nello scambio di documenti e informazioni tra le autorità giudiziarie e le forze di polizia americane ed europee, cambiando così le relazioni diplomatiche tra queste due nazioni, in materia giudiziaria. Related posts / Posts Simili/Correlati: Italia, Ogni anno si getta oltre 6 milioni di tonnellate di cibo Social LinkedIn bloccato da Russia per violazione privacy [Geopolitica] Filippine cercano partnership con Russia…

Read More

Google viola la privacy? Si. Quale motori di ricerca alternativi esistono?

I dati delle ricerche sono raccolti in giganteschi database e strutturati secondo regole da cui è possibile desumere molti fatti personali (condizioni di salute e orientamento politico, ad esempio). La conoscenza di tali informazioni erode la privacy ed è l’anticamera della censura. Related posts / Posts Simili/Correlati: Italia, Internet: Accordo Google-Verizon Google banna il dominio gpsoutdoor, ma il sito web in html non ha codice malevole! Mondo, I nuovi ricconi dell’era tecnologica Google Plus, migliaia di profili vuoti Google, Twitter ed altri social net pagati per declassare notizie e siti…

Read More

Social LinkedIn bloccato da Russia per violazione privacy

L’Ente per telecomunicazioni russo (Roskomnadzor) aveva richiesto blocco su territorio nazionale, social net LinkedIn che, oggi 10 Novembre 2016, è stata accolta. Il motivo della decisione della Corte è la mancata ottemperanza ai provvedimenti del Codice civile russo che, in termini di privacy, vieta espressamente alle società e ai server localizzati all’estero la raccolta e la diffusione dei dati personali dei cittadini russi. Related posts / Posts Simili/Correlati: Google viola la privacy? Si. Quale motori di ricerca alternativi esistono? Russia, Ministero Difesa presenta nuovo Mig-35 MAR NERO, LA NATO RAFFORZA…

Read More