Italia, Expo 2015: sequestro beni per padiglione Cina

La realizzazione del padiglione della Cina e di quello dell’Ecuador ad Expo 2015 è tra gli affari gestiti dalle imprese del nord Italia, controllate dalla ‘ndrangheta, alle quali la Guardia di finanza di Reggio Calabria, sotto le direttive della Direzione distrettuale antimafia (Dda), ha sequestrato beni per un valore di 15 milioni di euro. Related posts / Posts Simili/Correlati: [Africa – Congo] Li chiamano enfants sorciers, bambini stregoni [ITALIA] Antritrust multa Locauto e Maggiore Italia, i consiglieri regionali ? Un costo altrettanto elevato Milano, Dalai Lama riceve onorificenza Milano, Recup:…

Read More