ARCHIVIO ATTUALITA' 

[Iraq] Poverta’: 4 milioni di bambini a rischio

Iraq. 1 bambino su 4 è povero. Dal 2014 verificati 150 attacchi alle strutture educative e 50 attacchi ai centri sanitari e al personale sanitario. Nella città di Mosul, oltre 21.400 case sono state danneggiate o distrutte; La metà di tutte le scuole irachene avrebbe bisogno di riparazioni e più di 3 milioni di bambini hanno subito un’interruzione nel percorso scolastico; il 35% dei bambini non completa la scuola primaria. Circa 1 milione di bambini hanno bisogno di supporto psicosociale; 2.260 sono detenuti in Iraq, metà di quali sono sospettati…

Read More

Iraq – Mosul, Paramilitari iracheni contro Daesh (Isis)

Le milizie sciite irachene stanno svolgendo azioni militari nella zona di al Hisan al Shamali, ad ovest di Tal Afar, in direzione di Ayn Talawi, espellendo i Daesh anche dalla zona a nord di Sinjar, circa 45 chilometri ad ovest di Tal Afar. L’offensiva non è priva di morti e feriti. Il bilancio provvisorio dell’attacco a Daesh, con dei missili contro un quartiere residenziale a nord di Mosul, è di 11 morti e 22 feriti. Fonte Related posts / Posts Simili/Correlati: Iraq – Fallujah: catastrofe umanitaria Mosul: elicotteri italiani in…

Read More

Mosul, Isis sventola possedere armi chimiche

Una nube tossica di diossido di zolfo, sprigionato da un incendio appiccato ad un impianto chimico al-Mishraq a Qayyara, vicino a Mosul, sta avvelenando l’area, provocato intossicazioni e obbligando i soldati a indossare maschere antigas. La minaccia chimica, durante la battaglia di Mosul, è tangibile in quanto i mujaheddin del Califfo hanno gli arsenali di Saddam Hussein e un arsenale di armi chimiche in un bunker conquistato all’esercito di Bashar al Assad. Related posts / Posts Simili/Correlati: Mosul: elicotteri italiani in prima linea Siria, grave situazione: milioni di persone senza…

Read More

Mosul, milizie paramilitari torturano chi fugge dal Daesh

I civili sunniti in fuga dagli orrori dell’Is, hanno fatto male i loro conti: Una volta consegnatisi nelle mani dei militari, molti di loro sono stati torturati, uccisi e fatti sparire; uomini, donne e bambini. Dal 2016 queste milizie a maggioranza sciita, artefici delle violazioni dei diritti umani, fanno ufficialmente parte dell’esercito dell’Iraq. Conosciute come Unità di mobilitazione popolare, sono da tempo sostenute dal governo iracheno che fornisce loro armi e sostegno finanziario. Related posts / Posts Simili/Correlati: Iraq – Fallujah: catastrofe umanitaria Mosul: elicotteri italiani in prima linea Lotta…

Read More