Controllo delle nascite contro la poverta’

Avere la possiblita’ di decidere se avere figli o meno, quando farli e quanti farne e’ un diritto universale. Su di questo si calcola che in tutto il mondo, una cifra stimata di 214 milioni di donne che non pianificano quando restare incinte, una forte necessita’ -insoddisfatta- di metodi contraccettivi moderni. Queste donne sono, nella maggior parte, nei Paesi in via di sviluppo. Related posts / Posts Simili/Correlati: [UE] Inclusione abitativa: autocostruzione e autorecupero di alloggi [Italia] Amianto: Quanti siti contaminati e discariche esistono? Rapporto IISS, Narcoguerra nel Mondo; quella…

Read More

[Italia] Amianto: Quanti siti contaminati e discariche esistono?

L‘amianto è un gruppo di minerali formati da silicato di magnesio, calcio e ferro ed è detto asbesto (letteralmente “che non brucia”). Come tutti i minerali presenti in natura, viene estratto da cave e miniere tramite frantumazione della roccia madre, da cui si ottiene la fibra purificata. Related posts / Posts Simili/Correlati: Amianto: altri 500 casi alle officine ex Alitalia. E spesso i killer restano impuniti USA, Tomografia computerizzata: rischio cancro per utilizzo frequente Austria, Formaggi infetti: 6 morti Italia, On.le Gero Grassi: Le necessità dei malati di SLA non…

Read More

Perché credo nelle DONNE

In quelle sagge, che sanno sempre cosa fare in ogni situazione, ponderate, sensibili, razionali e soprattutto giuste. Queste le qualità di quelle donne, amiche, che conosco ed ho conosciuto. Insieme agli uomini, non in una guerra, si può fare qualcosa, perché il cambiamento deve avvenire passo dopo passo, senz’altro gradualmente, ma uniti. Related posts / Posts Simili/Correlati: Eutanasia, eliminare fisicamente il superfluo? Ordini Pataccari: Macché onore, è la vilissima reputazione! (4 – ultima) [Venezuela] Narcotraffico. Il vicepresidente nella lista nera degli Usa [Africa – Congo] Li chiamano enfants sorciers, bambini…

Read More

Corte costituzionale: le donne come gli uomini rimangono al lavoro fino al 65° anno di età

Le donne, come gli uomini, rimangono al lavoro fino al 65° anno di età. Lo ha deciso la Corte costituzionale, che ha dichiarato, con la sentenza 275/2009, l’illegittimità dell’art. 30 del dlgs 198/2006 (Codice delle pari opportunità tra uomo e donna), nella parte in cui prevede, a carico della lavoratrice che intenda proseguire nel rapporto di lavoro oltre [Continua…] il sessantesimo anno di età, l’onere di dare tempestiva comunicazione della propria intenzione al datore di lavoro, da effettuarsi almeno Related posts / Posts Simili/Correlati: Dossier Legambiente :reati contro le coste…

Read More