ARCHIVIO SOCIETA' 

Guerra alla droga. Quando le vittime sono i bambini

I bambini immigrati vengono separati dai loro genitori a causa della politica di tolleranza zero dell’amministrazione Trump in merito all’ingresso illegale, oltre confine. Le scene di circa 2.000 bambini traumatizzati che si trovano in gabbie presso le strutture di confine sono esposte attraverso i media. Questo avviene perché i loro genitori cercano di fuggire dalla persecuzione o cercano di assicurare loro una vita migliore. Ciò ha provocato un’enorme esplosione di proteste da una vasta gamma di americani indignati. Il procuratore generale Jeff Sessions è salito rapidamente sulle scene il mese…

Read More
ARCHIVIO SOCIETA' 

Come migliorare la vita dell’umanita’

La maggior parte dei Paesi dichiara con la propria firma di perorare l’uguaglianza tra uomini e donne e contro la violenza di genere. Ma nessuno e’ riuscito a raggiungere la prima ed eradicare la seconda. Guarda le persone che hai intorno, fermati sulle donne. Almeno una su tre di quelle che vedi, in qualunque parte del mondo sia, ha una storia di violenza da raccontare, sia perche’ e’ stata picchiata dalla sua famiglia o violentata sessualmente in qualche momento della sua vita. O entrambi. Related posts / Posts Simili/Correlati: Carta…

Read More
ARCHIVIO GEOPOLITICA 

Diritti donne nel mondo. ONU: situazione in degrado

Il Consiglio dei Diritti dell’Uomo delle Nazioni Unite ritiene che una donna su tre sia ancora vittima di violenze nel mondo. Ma, catalogare tutti i casi di abusi e’ un lavoro titanico e i numeri potrebbero essere largamente sottostimati. Morti, violenze, stupri, privazione della liberta’ d’azione o di muoversi, mutilazioni genitali, matrimoni forzati, rifiuto del diritto all’interruzione di gravidanza… Related posts / Posts Simili/Correlati: Non dimentichiamo le malattie dei poveri Repubblica Centrafricana, Nuove violenze spingono migliaia di persone verso il Ciad Diritto aborto. Caso El Salvador. Occorrono le brigate internazionali…

Read More
ARCHIVIO SOCIETA' 

MESSICO – Narcoguerra. Ancora un sacerdote cattolico assassinato

Un sacerdote 33/enne, padre Juan Miguel Contreras García, è stato ucciso il 21 Aprile 2018 al termine della celebrazione della messa nella parrocchia San Pio da Pietrelcina di Tlajomulco, nello Stato di Jalisco. La notizia la riportiamo oggi, 20 Luglio 2018, in quanto in Messico le morti continuano e questa del sacerdote, purtroppo non è l’ultima. Le fonti locali riferirono ad Aprile che, un commando aveva fatto irruzione nella chiesa. Alcuni parrocchiani dichiararono che il prete, per la celebrazione della messa, aveva sostituito un altro sacerdote al quale erano arrivate…

Read More
ARCHIVIO SOCIETA' 

Diritto aborto. Caso El Salvador. Occorrono le brigate internazionali

La notizia e’ agghiacciante e confortante nello stesso tempo. Una ragazza di 19 anni stuprata, decise di abortire e fu condannata a 30 anni di galera. Ora e’ stata “graziata” e dopo 15 anni e’ libera (1). Secondo stime di organizzazioni femministe de la repubblica di El Salvador, Paese in cui vige questa legge, circa una trentina di donne si trovano attualmente in carcere, scontando pene dai 6 ai 35 anni, per aver abortito. Related posts / Posts Simili/Correlati: Rapporto IISS, Narcoguerra nel Mondo; quella messicana miete più vittime Messico,…

Read More