L’apologetica nel Medioevo

Dopo la nascita e l’affermazione dell’Islam, gli scritti apologetici hanno presenti non solo i giudei e i pagani, uomini di cultura ellenistica, ma anche i musulmani. Operano così, in Oriente, san Giovanni Damasceno e Teodoro Abu Qurrah, mentre in Occidente vedono la luce gli scritti di sant’Isidoro di Siviglia. Procedendo negli anni, si ricordano: Related posts / Posts Simili/Correlati: Le Crociate San Francesco di Assisi, difensore delle Crociate DOMINUS JESUS Un trauma vedere giovani rivoltarsi contro la propria patria LA CAVALLERIA MEDIEVALE

Read More

L’apologetica dei Padri

Gli scrittori cristiani della prima generazione dopo gli Apostoli, i cosiddetti Padri apostolici, preziosi testimoni della Chiesa del loro tempo, presentano già in modo interessante alcuni aspetti dell’argomento profetico, pur non pensando di fare opera propriamente apologetica. Gli scrittori della generazione successiva, cioè i Padri apologisti, devono il loro nome al proposito esplicito di difendere il cristianesimo rivolgendo agli imperatori, o a tutti i “Greci” (i pagani), esposizioni che confutavano le obiezioni e che facevano vedere i titoli di credibilità della religione cristiana. Related posts / Posts Simili/Correlati: Cavalieri Templari:…

Read More

STORICITA’ DI GESU’ CRISTO, FONTI EXTRACRISTIANE

Le prime chiare testimonianze storiche sulla persona di Gesù, ci sono tramandate dallo storico giudeo-romano Giuseppe Flavio (37-103 circa). “Anano […] convocò il sinedrio a giudizio e vi condusse il fratello di Gesù, detto il Cristo, di nome Giacomo, e alcuni altri, accusandoli di trasgressione della legge e condannandoli alla lapidazione” (Ant. XX, 200). In un altro passo, invece, egli fa menzione di Erode e Giovanni Battista ; Related posts / Posts Simili/Correlati: I frutti dello Spirito LA CAVALLERIA MEDIEVALE L’apologetica dei Padri San Francesco di Assisi, difensore delle Crociate…

Read More

I frutti dello Spirito

Gesù disse che il cristiano lo si riconosce dai frutti dello spirito, che sono benevolenza, amore, carità, tolleranza e autocontrollo (Galati 5:22). Chi semina discordie, zizzanie, ire, inimicizie, divisioni, non è da Dio (Galati 5:20). Di conseguenza chi usa il proprio tempo per ostacolare il messaggio d’amore di Cristo e non portare le persone alla salvezza, infangando il nome altrui, creando articoli con nome e cognome, nonché fotografie dei fratelli, ricolmi di odio e discriminazione, di certo non lo si può definire un cristiano. Related posts / Posts Simili/Correlati: Antica…

Read More