ARCHIVIO OSJ 

Chi è il Sovrano Ordine di San Giovanni di Gerusalemme – Cavalieri di Malta OSJ

Il Sovrano Ordine di San Giovanni di Gerusalemme – Cavalieri di Malta OSJ, non è e non ha nulla a che fare con lo SMOM, Sovrano Militare Ordine di Rodi e di Malta, Ordine Cattolico sotto la protezione e guida del Vaticano. L’Ordine O.S.J. dei Cavalieri di Malta è sotto la Protezione, del Gran Maestro S.A.R. Principe Don Thorbjorn Paternò Castello di Carcaci-Ayerbe-Aragona ed è un ramo storicamente derivato dall’Ordine Ospedaliero di Malta.  E’ un ordine effettivo ed operante a livello internazionale, appartenente al novero degli “ordini non nazionali” legittimi, ma non autorizzabili, come attestato da circolare M_D GMIL III 10 4/051891 del Ministero della Difesa.

Il Tribunale penale di Roma nel 2014 e precedentemente la Corte d’Appello di Bologna nel 2012, riconoscono a S.A.R. il Principe Don Thorbjorn Paternò Castello di Carcaci-Ayerbe-Aragona la fons honorum (comprensivo dello jus honorum e dello jus majestatis) e la legittimità di conferire in Italia ed all’ estero onorificenze, decorazioni e distinzioni cavalleresche del Sovrano Ordine di San Giovanni di Gerusalemme Cavalieri di Malta O.S.J..
Essendo l’Ordine O.S.J. un ordine riconosciuto dallo Stato Italiano come ordine non nazionale, nessuna limitazione, salvo quanto espresso nel regolamento riservato ai membri dell’Associazione, compreso sull’uso del Mantello e dei Pins o rosette Cavalleresche.

Limitazioni anche sull’utilizzo delle decorazioni (medaglie, placche, collari) che devono essere usate solo ed esclusivamente durante le cerimonie dell’ Ordine.

Nelle relazioni il Titolo di Cavaliere e il Grado devono essere sempre collegati al nome completo dell’Ordine Equestre di appartenenza ovvero: “Sovrano Ordine di San Giovanni di Gerusalemme – Cavalieri di Malta O.S.J.” oppure “Sovereign Order of Saint John of Jerusalem – Knights of Malta O.S.J.”.

Lo Stato Italiano impone che le onorificenze e o le decorazioni cavalleresche, benché legittime, se concesse da Ordini Cavallereschi non nazionali, devono essere suffragate dal Curriculum dalla Storia dell’Insignito per poter essere indossate senza limitazioni anche in eventi pubblici e dai militari. (Legge 3 marzo 1951, n. 178)

Il Titolo di Cavaliere e il Grado associato al nome preciso dell’Ordine Equestre dev’essere riportato nel biglietto da visita, onde evitare problemi di natura giuridica che possano scaturire dal fraintendimento di appartenenza con l’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

L’uso delle Decorazioni e dei titoli cavallereschi è regolato dalla Legge 3 marzo 1951, n. 178 (pubblicata nella Gazz.Uff. 30 marzo 1951, n.73) che regola la complessa materia del conferimento e dell’uso delle onorificenze cavalleresche.

Fonte:
Sovereign Order of Saint John of Jerusalem – Knights of Malta O.S.J.

Related posts