Palermo, Consuntivo della DIA

diaIl Centro Operativo della DIA di Palermo, unitamente alle Sezioni di Agrigento e Trapani, nel corso dell’anno 2009, nell’ambito dell’attività finalizzata all’aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati dalla mafia, ha proceduto al sequestro di beni mobili, immobili, aziendali, quote societarie e capitali, per euro 611.000.000,00; nonché alla confisca di valori per euro 22.000.000,00.

Fra i beni sequestrati sono emersi, per l’ammontare economico, particolarmente, quelli riconducibili ad imprenditori operanti nel settore delle costruzioni.

Tali successi sono stati corroborati anche dalla costante sinergia con il Dipartimento Mafia-economia della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, diretto dal dott. Roberto Scarpinato e con il capo della DDA, Dr Francesco Messineo.

Sempre nel corso dell’anno, si è proceduto all’arresto di 11 persone, di cui 10 indiziate, a vario titolo, di appartenenza all’associazione mafiosa cosa nostra, di riciclaggio, e di altri delitti; l’undicesimo, latitante da oltre 16 anni, era inserito nei primi 100 latitanti più pericolosi e condannato con sentenza definitiva per omicidio.

Related posts