Ordine Giornalisti, Pubblicisti: Alcune domande al governo italiano

Abbiamo estrapolato dieci domande dalla fonte “mainfatti.it”:

1) Come sarà possibile privare di un titolo chi lo ha già conseguito?

2) Se una testata giornalistica vorrà continuare ad avere la sua rubrica settimanale (per esempio ‘sulle implicazioni nella vita reale della fisica quantistica’ o ‘sulla lettura corretta dei neumi del canto gregoriano’) finora curata da un giornalista pubblicista, a chi si potrà rivolgere visto che “chiunque scriverà in modo continuativo (ad esempio più di dieci articoli l’anno) potrà essere oggetto di denuncia penale per esercizio abusivo della professione”? I pubblicisti, infatti, sono nati anche come supporto “tecnico” per i giornali, per tutti quegli argomenti specifici e specializzati su cui i giornalisti professionisti non sanno scrivere (non essendo onniscienti).

3) Che fine faranno tutti quei giornali e periodici, cartacei e online, che hanno come direttore responsabile un giornalista pubblicista? Dovranno chiudere?

4) Stesso discorso per quei giornali o periodici che si reggono grazie al lavoro di pubblicisti: questi rimaranno senza un lavoro e la testata sarà costretta a chiudere, visto che non avrà più una redazione “a norma di legge”?

5) Spesso un pubblicista “acquisisce punteggio” (e mansioni) per il fatto di essere un giornalista nell’ambito di un altro lavoro. Cosa succederà nel “secondo” lavoro se non potrà più dichiarare nel proprio curriculum, ma anche in gratuatorie statali, di far parte di un Albo? Verrà declassato? Verrà licenziato?

6) Che fine faranno i soldi versati dai giornalisti pubblicisti all’INPGI?

7) Che fine faranno i soldi versati dai giornalisti pubblicisti all’Ordine dei giornalisti, anche al momento della loro iscrizione all’Albo?

8) Che fine faranno i soldi versati all’Agenzia delle Entrate, versati al momento della presentazione della domanda all’elenco dei pubblicisti?

9) Che fine faranno tutti quelle persone che in questo momento stanno completando le collaborazioni per potersi iscrivere all’elenco pubblicisti? Per loro, e per tutti coloro che attualmente collaborano come pubblicisti (con piccole, grandi o ridicole retribuzioni) a quanto ammonterà il “danno esistenziale” provocato dalla cancellazione del proprio lavoro /sogno /missione /mestiere /servizio /principio /vocazione /passione /amore /dannazione /fatica /passatempo /tutto?

10) Il prossimo anno, Freedom House a che posto della classifica sulla libertà di stampa inserirà l’Italia, attualmente giudicato come un Paese con una informazione “parzialmente libera”, alla 72esima posizione insieme al Benin, Hong Kong e India?

Fonte pagina

 

Note di redazione
Nelle medesime condizioni ci sono anche altri ordini, come ad esempio quello Forense. Quest’ultimo, leggendo quello che scrivono nel sito web dei praticanti, ha preso una posizione ben precisa nei confronti del governo attuale.

—- In Facebook c’è un gruppo dedicato ai Giornalisti Italiani Pubblicisti…iscriveteVi, partecipate, diffondetelo, anche all’estero.

Related posts