MONDO/Atlante delle dipendenze. Tabacco e alcool in testa. Addiction

Le droghe più diffuse al mondo sono il tabacco e l’alcol, seguite da quelle illegali a grande distanza, sia come numero di utilizzatori che come danni potenziali alla società. Lo afferma il primo atlante globale delle dipendenze, messo insieme dall’università di Adelaide e pubblicato dalla rivista Addiction, secondo cui sono le sigarette la prima sostanza di cui si abusa, con una persona su cinque al mondo che ne è dipendente. Lo studio ha messo insieme le cifre dei rapporti di Onu e Oms sulle singole dipendenze, mettendo in luce anche i potenziali danni alla salute delle sostanze considerate legali.

Approssimativamente, spiega ad esempio l’articolo, il 22,5% della popolazione mondiale usa prodotti a base di tabacco (il 32% degli uomini e il 7% delle donne), che sono alla base dell’11% delle morti totali tra gli uomini e del 6% di quelle tra le donne ogni anno. Per quanto riguarda l’alcol ha qualche problema legato alla dipendenza il 4,9% della popolazione adulta mondiale, 250 milioni di persone, con la percentuale che sale al 7,8% se si considerano solo gli uomini, mentre tra le donne è dell’1,5%. Ogni anno l’alcol causa nel mondo 257 anni di vita persi ogni 100mila abitanti.

“Le dipendenze impongono un peso economico molto alto sulla società – spiega Linda Gowing, l’autore principale della ricerca – in termini di costi sanitari, sicurezza pubblica, crimini e perdita di produttività. E’ importante avere delle stime aggiornate della prevalenza, anche per stimare i progressi nella riduzione di questo peso e per aiutare le istituzioni ad identificare le priorità”. Più difficile, spiegano gli autori, è stimare i consumi delle sostanze illecite. Da alcuni studi e dai rapporti delle autorità di polizia internazionali, si ricava comunque che il 3% della popolazione mondiale fuma cannabis e lo 0,3% – che comunque corrisponde a ben 15 milioni di persone – fa uso di droghe iniettabili.

Dal punto di vista del consumo di alcol, sottolinea la mappa, i più forti bevitori sono in Europa dell’Est, circa 14 litri di alcol l’anno, con quella occidentale poco distante, mentre sul fumo a prevalere è l’Oceania e, di nuovo, l’Europa orientale, con una prevalenza di fumatori oltre il 30%. Per le droghe iniettabili invece al primo posto c’è l’America settentrionale, mentre in Europa occidentale si trova il dato più basso. “Il dato più importante che emerge dalla mappa – scrive Robert West, direttore della rivista, in un editoriale – è quanto maggiore sia il danno per la società dovuto alle sostanze legali rispetto a quelle illegali”.

ADUC

Shortlink:

Condividere Articolo

Passare con il mouse sul banner e attendere che esca un elenco; cliccare poi sull'icona del social net che riteniamo più opportuno divulgare la notizia ed seguire la procedura richiesta.
Bookmark and Share
Posted by on 16/09/2017. Filed under ARCHIVIO, SALUTE. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

You must be logged in to post a comment Login