Missioni militari italiane all’estero

In discussione oggi un decreto-legge che stanzia per il semestre già in corso, dal 1o luglio al 31 dicembre, la somma di oltre 700 milioni di euro e che disciplina – cito dal titolo completo del decreto- legge, questa volta – « interventi di cooperazione allo sviluppo e a sostegno dei processi di pace, di stabilizzazione e delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia », che riguardano, « 22 missioni in 20 diverse parti del mondo, per una presenza media di circa 8 mila militari impegnati quotidianamente ». Sono, quindi, 8 mila militari, senza contare il personale civile, senza uniforme, i diplomatici, i cooperatori e i tecnici.

Il nostro Paese è uno dei principali contributori delle Nazioni Unite e dell’Unione europea nelle missioni internazionali di pace e per la sicurezza.

L’Italia interviene in Afghanistan e nei Balcani, nel Libano e nel Corno d’Africa, al largo delle coste somale, ad Haiti e nel Caucaso. Ma nel decreto-legge le misure non sono organizzate in ragione delle aree di intervento e degli obiettivi integrati – civili, istituzionali, sociali e militari – perseguiti in ogni regione in collaborazione con i nostri alleati e secondo gli scenari, bensì sono organizzati secondo una logica amministrativa: cooperazione allo sviluppo da una parte, non importa dove (in Afghanistan e poi in Pakistan o in Somalia), e poi missioni delle Forze armate e di polizia dall’altra.

L’elenco delle aree di intervento sono 32, indicate nei commi dell’articolo 4: in Afghanistan, per ISAF ed EUPOL, 365 milioni, quasi la metà delle somme stanziate, anzi, più della metà; in Libano, per UNIFIL, 118 milioni; nei Balcani, per Multinational Specialized Unit, EULEX Kosovo, Security Force Training Plan (in Kosovo) e Joint Enterprise, 59 milioni; in Bosnia-Erzegovina, per ALTHEA, 10,5 milioni; nel Mediterraneo, per Active Endeavour, 10 milioni; a Hebron 600 mila euro; nel valico di Rafah 57 mila euro; nel Darfur, per UNAMID, 128 mila euro; nella Repubblica Democratica del Congo, per EUPOL, 200 mila euro; a Cipro, per UNFICYP, 132 mila euro; in Albania, per assistenza alle Forze armate, 80 mila euro; in Georgia, per missione monitorag- gio UE, 800 mila euro; in ordine al con- trasto della pirateria in Somalia-Corno d’Africa, per Atalanta e Nato, 23 milioni; in Iraq, per addestramento delle Forze di polizia in ambito Nato, 4 milioni di euro; negli Emirati Arabi, per missioni in Afghanistan e Iraq, 12 milioni; ad Haiti, 5 milioni; in Somalia, per nuova missione dell’UE, 800 mila euro; e poi 25 milioni per trasporti e infrastrutture.

Ma questo elenco non è completo: compaiono ancora, in vario modo, con vari esperti (Guardia di finanza, Carabinieri, magistrati), ISAF, Kosovo, Albania, Pale- stina, Libia e infine una dotazione di 10 milioni all’Agenzia di informazione e sicurezza esterna, a protezione del personale delle Forze armate, impiegato nelle missioni internazionali.

Il testo sopra è stato estrapolato dal blog di Mario Barbi

Shortlink:

Condividere Articolo

Passare con il mouse sul banner e attendere che esca un elenco; cliccare poi sull'icona del social net che riteniamo più opportuno divulgare la notizia ed seguire la procedura richiesta.
Bookmark and Share
Posted by on 21/07/2010. Filed under ARCHIVIO, ATTUALITA'. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

You must be logged in to post a comment Login