Mar cinese, collisione fra petroliera e mercantile; 32 dispersi

La petroliera “Sanchi” registrata a Panama, dopo una collisione con la bulk carrier CF Crystal a circa 160 miglia nautiche dalla costa di Shanghai, secondo quanto riferito dai media statali cinesi , con immagini che mostrano la nave avvolta da un denso fumo nero. La Cina, la Corea del Sud e gli Stati Uniti hanno inviato navi e aerei per cercare l’equipaggio mancante di Sanchi – 30 iraniani e due bengalesi, secondo quanto riportato dalla Associated Press.

Secondo un portavoce di Hanwha Total, Sanchi stava trasportando 1 milione di barili di condensato – un liquido idrocarburico usato per produrre petrolchimici – a Daesan. L’azienda prevede di utilizzare le sue scorte in sostituzione della fornitura e sta valutando se effettuare acquisti aggiuntivi, ha affermato, chiedendo di non essere identificato a causa della politica interna.

Hanwha ha anche lanciato una gara d’appalto e acquistato cinque carichi da 25.000 tonnellate di nafta – un’altra materia prima coinvolta nella produzione petrolchimica – per consegnarla il mese prossimo, pagando un premio di circa $ 10 a tonnellata sui prezzi di riferimento per quattro delle spedizioni. Non ha emesso offerte per l’acquisto di un prodotto simile del prodotto petrolifero da consegnare a gennaio, secondo i dati compilati da Bloomberg.

Hanwha Total ha acquistato un totale di circa 64 milioni di barili di condensato nel periodo gennaio-novembre dello scorso anno, di cui 39,4 milioni di barili provenivano dall’Iran, secondo i dati della Corea National Oil Corp., gestiti da Bloomberg.

Richiesta di risarcimento
Il Sanchi, battente bandiera panamense, è di proprietà della National Iranian Tanker Co., di proprietà statale, e ha lasciato il porto di Assaluyeh il 16 dicembre per Daesan, secondo i dati raccolti da Bloomberg. Tutti a bordo del CF Crystal, una nave da carico registrata a Hong Kong che trasportava grano dagli Stati Uniti alla Cina, sono stati salvati, secondo il Ministero dei Trasporti cinese, che ha dichiarato che l’olio era in acqua.

Hanwha prevede di chiedere il risarcimento per la perdita del carico nell’ambito del proprio programma di assicurazione, mentre i danni causati dalla collisione saranno probabilmente coperti dalla politica di NITC, secondo il portavoce della compagnia sudcoreana.

L’Iran, il terzo produttore di petrolio dell’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, vende la maggior parte del suo greggio e condensato in Asia, esportando circa 2 milioni di barili al giorno. La condensa è un olio leggero prodotto insieme al gas naturale, principalmente nei giacimenti offshore di South Pars in Iran. Il porto di Assaluyeh è il principale punto di carico del condensato iraniano.

– Con l’aiuto di Ladane Nasseri e Anthony Dipaola

Shortlink:

Condividere Articolo

Passare con il mouse sul banner e attendere che esca un elenco; cliccare poi sull'icona del social net che riteniamo più opportuno divulgare la notizia ed seguire la procedura richiesta.
Bookmark and Share
Posted by on 08/01/2018. Filed under ARCHIVIO, ATTUALITA'. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

You must be logged in to post a comment Login