La questione Curda dopo i conflitti in Medio Oriente; breve analisi

I curdi sono una comunità etnica con cultura, tradizioni e lingua propria. Sono in maggioranza sunniti ma anche sciiti (come in Iran e Azerbaijan). E’ una popolazione autoctona della regione mediorientale. La recrudescenza della lotta contro la Turchia ha alimentato la crescita anche di un’altra fazione ancora più estremista: il TAK (I falchi per un Kurdistan Libero). Nel mondo sono circa 30/35 milioni, di cui circa 15/16 milioni in Turchia (18/20% della popolazione), 5/6 milioni in Iraq, 6/7 milioni in Iran, 2/2,5 milioni in Siria (circa 10% della popolazione), il resto in alcune nazioni caucasiche o diaspora nel mondo.

La guerra civile in Siria ha nei fatti permesso ai curdi siriani di affrancarsi dalle persecuzioni del regime e di ottenere una propria autonomia territoriale. Sono rappresentati dalle formazioni militari dell’YPG (Unità di Protezione Popolare), braccio armato del PYD (Partito dell’Unione Democratica).

I curdi iracheni sono politicamente divisi al loro interno tra il KDP (Kurdistan Democratic Party) di Masoud Barzani, che guida la regione semi-autonoma, e il PUK (Patriotic Union of Kurdistan) di Jalal Talabani, presidente iracheno dal 2005 al 2014.

Uno dei problemi del Kurdistan iracheno è l’instabilità economica ed un grosso debito pubblico, oltre 22 miliardi di dollari, contratto in buona parte con la Turchia.

Fonte

Related posts