Kabila, il padrone del Congo

Kabila è presidente della Repubblica Democratica del Congo per aver ereditato nel 2001 la carica dal padre, Laurent Désiré, assassinato. Il suo mandato è scaduto alla mezzanotte del 19 dicembre 2016. Siccome però ha già svolto i due mandati consentiti dalla costituzione, grazie a due elezioni, Kabila ha trovato il modo di sospendere il voto in agenda il 27 novembre 2016 e conservare il potere, fino all’aprile del 2018.

Lui e i suoi parenti hanno più di 120 permessi di sfruttamento di miniere di oro, rame, cobalto e diamanti. Inoltre possiedono o detengono azioni e quote di banche, aziende agricole, distributori di carburante, compagnie aeree, imprese di costruzione, alberghi, ditte fornitrici di prodotti farmaceutici, agenzie di viaggio, negozi, locali notturni…

Stati Uniti e Unione Europea hanno adottato sanzioni contro diverse personalità politiche e militari. Il governo congolese ha risposto definendo i provvedimenti “un ritorno del tutto illegale all’epoca coloniale”.

Related posts

Leave a Comment