Italia, Rapporto banche e clienti: attivato l’arbitro

euroAl via oggi l’Arbitro Bancario e Finanziario, il sistema di risoluzione stragiudiziale delle controversie tra le banche, gli intermediari finanziari e la loro clientela. Il sistema e’ previsto dall’art. 128-bis del Testo Unico Bancario (TUB) ed e’ disciplinato dalle disposizioni emanate dalla Banca d’Italia il 18 giugno 2009, in attuazione di una Deliberazione del Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio del luglio 2008. La procedura di decisione si conclude nell’arco di pochi mesi. Dalla presentazione del ricorso, gli intermediari hanno un termine per controdedurre variabile tra i 30 e i 45 giorni, dopodiche’ il collegio si pronuncia entro i successivi 60 giorni. Questo termine puo’ essere sospeso per non piu’ di 60 giorni. In caso di decisione favorevole al cliente gli intermediari sono tenuti ad adempiere entro massimo 30 giorni, oppure nel termine indicato dal collegio.
L’eventuale inadempienza e’ pubblicata sia sui siti web dell’Arbitro e della Banca d’Italia, sia con annuncio su due quotidiani a diffusione nazionale. Gli esiti dei ricorsi sono valutati dalla Banca d’Italia per i profili di rilievo che possono avere per l’attivita’ di vigilanza.
Informazioni di dettaglio sul funzionamento dell’Arbitro si trovano sul sito www.arbitrobancariofinanziario.it e sulla Guida pratica all’Arbitro resa disponibile in forma cartacea presso le Filiali della Banca d’Italia e presso gli sportelli degli intermediari. Sulla Guida si trovano i numeri di telefono delle segreterie tecniche dell’Arbitro (nel primo periodo di funzionamento del sistema e’ attiva una segreteria tecnica unica, quella di Roma). ADUC -Fi

Related posts

Leave a Comment