Italia, DDL Web: obbligo di rettifica sui contenuti

Per i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono.

Nota di redazione:
Ogni gestore di “sito informatico” ha l’obbligo di rettificare ogni contenuto pubblicato. E’ sin qui noi giornalisti siamo tutti d’accordo.
Il problema è un’altro poiché ciò avviene su una semplice richiesta di soggetti che si ritengano lesi dal contenuto in questione. In pratica chiunque si alza la mattina e può romperti i marroni con le richieste più assurde e sulle quali bisogna rettificare! E se quella rettifica risulta infondata ? Che si fa…rettifiche su rettifiche ?
Altresì non si capisce il fatto che “Non c’è possibilità di replica” ma nel contempo chi non rettifica paga fino a 12mila euro di multa. Insomma…rettificare senza replicare!

Related posts