Italia, Bambini: mancano trattamenti anestetici

neonato

Il bambino riceve ancor oggi meno cure per il dolore, rispetto all’adulto. E molte delle procedure dolorose effettuate in ospedale sui piccoli pazienti vengono eseguite “senza un adeguato trattamento antalgico”. Lo sottolineano in una nota gli anestesisti rianimatori pediatrici, riuniti a Parma in occasione del 64.esimo Congresso nazionale Siaarti, denunciando la mancanza nel nostro Paese di farmaci analgesici registrati per la cura del dolore in eta’ pediatrica.
“Particolarmente critico e’ il trattamento del dolore postoperatorio. In Italia ogni anno vengono operati oltre 100.000 bambini a cui si dovrebbero somministrare farmaci analgesici, piu’ o meno potenti a secondo dell’intervento”, afferma Ida Salvo, direttore dell’Unita’ operativa di Anestesia e rianimazione del Buzzi di Milano.
Purtroppo, secondo Fabio Borrometi, presidente Societa’ di anestesia pediatrica (Sarnepi), “il dolore postoperatorio in eta’ pediatrica riceve un adeguato trattamento solo nel 30-40% dei casi. E questa e’ probabilmente una stima prudente. Le cause di questa bassa percentuale sono diverse, ma e’ importante sottolineare che i bambini sono ‘orfani terapeutici’: solo una piccola percentuale dei farmaci per la cura del dolore e’, infatti, registrata per l’eta’ pediatrica e il loro uso ‘off label’ e’ complesso e indaginoso e resta, pertanto, poco praticato in molti ospedali”.

ADUC

Related posts