Iraq, addestramento peshmerga curdi

peshmerga_curdi_addestramento_italiano_iraq

Il lavoro di addestramento di circa 300 peshmerga curdi, da parte dei militari italiani, in Iraq, si è concluso con le implementazioni di specifiche funzioni di anti terrorismo e di anticecchinaggio. Gli specialisti italiani hanno curato l’addestramento nel settore del contrasto agli ordigni esplosivi improvvisati (C–IED Counter Improvised Explosive Device) e nel tiro di precisione in funzione anti cecchinaggio delle forze di sicurezza curde.

Nell’ultimo anno, dall’avvio dell’operazione addestrativa “Prima Parthica”, circa 4300 militari curdi sono stati formati dai militari italiani su un totale di circa 8000 addestrati dalla Coalizione.

Fonte

.?.

Nota
Coat_of_Arms_of_Kurdistan

I Peshmerga (in lingua curda: پێشمەرگە’ – pīs mergah, “fronte alla morte”) sono le forze armate della regione autonoma del Kurdistan iracheno. Il termine “Peshmerga” indica letteralmente un combattente-guerrigliero che intende battersi fino alla morte. I combattenti curdi hanno ricevuto fino a marzo 2015 ingenti carichi di armi dell’ultimo tipo tra cui: Heckler & Koch MP5, Heckler & Koch G36, M40, AK-47 e Beretta MG 42/59; oltre a queste dispongono anche di armi pesanti come RPG-7, AT4 e MILAN.Dal 2014, anche l’Italia ha preso parte alla fornitura di armi ai peshmerga, inviando 200 mitragliatrici, 650 mila munizioni e oltre 2000 razzi HEAT; tuttavia i rifornimenti impiegano più tempo ad arrivare poiché le leggi italiane non consentono di armare milizie ma soltanto di vendere armamenti a stati riconosciuti e, a causa di questo, i rifornimenti devono poter prima passare attraverso l’Iraq per poi arrivare nelle mani dei peshmerga in Kurdistan. Oltre a questo, assieme alla Germania,l’Italia sta offrendo anche supporto logistico per le truppe peshmerga grazie ad addestramenti militari in Iraq per oltre 2000 combattenti. (Wikopedia)

Related posts