Etiopia, chiuso internet: Stato di emergenza

etiopia_stato_emergenza

Il governo è in stato d’emergenza dopo la strage di fedeli e oppositori di etnia Oromi, avvenuta durante una cerimonia religiosa. Negli ultimi mesi almeno 500 persone sono state uccise nelle regioni di Oromia e Amhara durante manifestazioni anti-governative. Le misure restrittive, secondo la Bbc, sono: nel blocco delle comunicazioni, i social media, i messaggi con cellulari sono stati vietati.

Il governo ha accusato Eritrea e Egitto di fomentare la rivolta. I canali Esat e Omn, che trasmettono dall’estero, sono stati chiusi.

Non si possono più organizzare dimostrazioni a scuola o all’università, e nessuno può partecipare a campagne politiche.

Non si possono più fare gesti di tipo politico, quali incrociare le braccia sopra la testa, o comunicare messaggi politici “senza permesso”.

Non si può entrare nelle fabbriche, nelle fattorie o in qualsiasi istituzione governativa tra le 6 del pomeriggio e le 6 del mattino.

A tutti i diplomatici è stato vietato di allontanarsi per più di 40 chilometri dalla capitale Addis Abeba senza permesso.

Chi detiene un’arma non può portarla con sé fuori da un raggio di 25 chilometri da Addis Abeba, nemmeno se in possesso di un regolare permesso.

Related posts