Egitto, Il governo ha distrutto 12 tunnel a Gaza

Il portavoce dell’esercito, col. Tamer al-Rifai, ha scritto sulla pagina del social net facebook, che le guardie di frontiera sono riuscite a distruggere 12 tunnel alla frontiera nord del Sinai, tra il 18 e il 28 dicembre 2016. I tunnel sono utilizzati dai due milioni di gazawi, sotto assedio del regime sionista; scavati per anni a profondità che raggiungono dai 10 ai 40 metri sotto terra e si ramificano in un’area che si estende per molte decine di chilometri, in tutta la Striscia (la cui superficie totale è 360 kmq). Da qui i combattenti islamici possono spostare agilmente armi e uomini, e penetrare oltre le linee nemiche senza essere visti.

I tunnel sono stati scavati in tre diverse direzioni e corrispondono essenzialmente a tre tipologie di utilizzo: economiche, tattiche e da attacco. I tunnel “economici” sono diretti verso l’Egitto, i secondi corrono all’interno di Gaza e quelli da attacco conducono verso Israele.

A metà settembre 2015, l’esercito egiziano ha iniziato a inondare con acqua di mare i tunnel palestinesi al confine tra la Striscia di Gaza assediata e l’Egitto.

Fonte

Related posts