Droga da Cuba a Panama?

antidrogas_venezuela

La Dogana Generale di Cuba ha negato che un container partito dall’isola con un carico di miele, intercettato nel porto di Colon a Panama, trasportasse droghe; lo comunicava il 19 Aprile un comunicato di questo organismo, divulgato poi dalla televisione di Stato. Ma facciamo due passi indietro nel tempo.

Lo scorso 14 aprile, la Polizia Nazionale di Panama ha reso noto di aver individuato 401 chilogrammi di cociaina nascosta, secondo questa fonte, tra taniche di miele di canna in un container che proveniva da Cuba con destinazione Belgio.

Nel suo comunicato, la Dogana di Cuba spiega che lo scorso 6 marzo nel porto di Mariel (45 Km ad est de La Habana) hanno intercettato il contenitore CLHU 387265-2 che era arrivato tramite ferrovia dalla provincia cubana di Sancti Spiritus con una carico di 60 bidoni di metallo di 200 litri ognuno e che contenevano miele di api.

La destinazione finale del carico, esportato da Cubaexport, era Anversa in Belgio, e molto prima di aver effettuato tutte le operazioni del caso al porto di Colon a Panama. Nel porto di Maril, il container “fu imbarcato nella nave MSC Canberra Container di bandiera panamense, il giorno 23 marzo del 2016 alle 10,48.

La nave e’ partita dal porto di Mariel con destinazione Bahamas, il giorno successivo alle 10, con 791 contenitori a bordo ed e’ arrivata a Panama lo scorso 5 aprile, spiega la Dogana. “In seguito alle indagini specifiche, con la visione a raggi X del contenuto, cosi’ come stabilisce la procedura di ispezione dei container, la Dogana Generale della Repubblica di Cuba puo’ assicurare categoricamente che il container CLHU 387265-2 non conteneva droga ne’ nella struttura ne’ nelle taniche metalliche che trasportavano il miele.

ADUC

Shortlink:

Condividere Articolo

Passare con il mouse sul banner e attendere che esca un elenco; cliccare poi sull'icona del social net che riteniamo più opportuno divulgare la notizia ed seguire la procedura richiesta.
Bookmark and Share
Posted by on 14/05/2016. Filed under GEOPOLITICA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

You must be logged in to post a comment Login