[Comunicato stampa] Sostegno dell’UE alla Somalia

L’UE è impegnata in Somalia con un approccio globale basato sulla diplomazia attiva, il sostegno al cambiamento politico, il miglioramento della sicurezza, l’assistenza allo sviluppo e l’aiuto umanitario. Per il periodo 2015-2020 la cooperazione dell’UE e degli Stati membri, compresi l’aiuto allo sviluppo, l’aiuto umanitario e le operazioni di mantenimento della pace, ammonta a 3,4 miliardi di EUR.

La Somalia ha avviato riforme politiche in linea con il nuovo patto per gli Stati fragili, approvato nel 2011. Questo patto (2013-2016) ha guidato le relazioni fra la Somalia e l’UE e altri partner internazionali. Si prevede che saranno rinnovati i nuovi principi di responsabilità e partenariato, con il nuovo governo somalo che si insedierà nel 2017.

In occasione del vertice UE-Somalia svoltosi nel 2013 entrambe le parti hanno sostenuto il patto somalo. L’accordo contempla una strategia di collaborazione fra l’UE e la Somalia e stabilisce i cinque principali obiettivi della pace e del consolidamento dello Stato per il paese: 1. consolidamento di una politica inclusiva, 2. sicurezza, 3. giustizia, 4. fondamenti economici, 5. entrate e servizi.

Il sostegno dell’UE e il finanziamento di questi e di altri obiettivi di sviluppo seguono il programma indicativo nazionale per la Somalia (2014-2020).

Pace e sicurezza

L’UE svolge un ruolo di prim’ordine nel sostenere gli sforzi della Somalia per diventare un paese pacifico, stabile e democratico, affrontando nel contempo la pirateria e altri crimini internazionali.

La forza navale dell’UE (EU NAVFOR) ha contribuito significativamente a ridurre la pirateria: nel 2011 sono state attaccate 174 navi mercantili e 25 sono state arrembate, con 736 marittimi tenuti in ostaggio, nel 2013 sono state attaccate 7 navi ma nessuna è stata arrembata, nel 2014 si sono registrati due attacchi, mentre nel 2015 e nel 2016 non si sono verificati attacchi. Nel marzo 2017 una nave è stata arrembata e tenuta in ostaggio per quattro giorni.

L’UE ha tre missioni di sicurezza e difesa:

la missione militare di formazione dell’UE (EUTM Somalia) (EUTM), che sostiene le forze di sicurezza somale.
la forza navale dell’UE (EU NAVFOR), che lotta contro la pirateria e
l’EUCAP, volta a migliorare la sicurezza marittima regionale.

L’UE è uno dei principali contributori al finanziamento della missione dell’Unione africana in Somalia (AMISOM), con un impegno di oltre 1,3 miliardi di EUR fra il marzo 2007 e il marzo 2017.

Attraverso il programma nazionale indicativo l’UE eroga anche 100 milioni di EUR destinati alle iniziative di consolidamento dello stato e della pace per il periodo 2014-2020.

Cooperazione allo sviluppo

L’UE è uno dei principali partner per lo sviluppo del paese. Fra il 2014 e il 2020 il programma nazionale indicativo dell’UE dispone di 286 milioni di EUR per aiutare il paese a realizzare i suoi obiettivi di sviluppo. Il programma è stato elaborato per riflettere le priorità del patto somalo.

I fondi del programma indicativo sono stati quindi ripartiti come segue:

consolidamento dello stato e della pace – 100 milioni di EUR
sicurezza alimentare e rafforzamento della resilienza – 86 milioni di EUR
educazione – 60 milioni di EUR
misure a favore della società civile – 14 milioni di EUR
misure di sostegno – 26 milioni di EUR

Questi finanziamenti sono integrati da altri stanziamenti provenienti dal bilancio dell’UE, relativamente a questioni specifiche, quali la democrazia e i diritti umani, il rafforzamento delle amministrazioni locali, la formazione, la sicurezza alimentare nonché l’approvvigionamento energetico e idrico.

In occasione della conferenza di Londra sono stati annunciati 200 milioni di euro supplementari.

Aiuti umanitari

Dal 1994 l’UE finanzia le operazioni di aiuto umanitario in Somalia. Si tratta di un aiuto necessario, poiché per decenni il paese ha vissuto una situazione di conflitto interno e di catastrofi naturali.

Nel 2016 l’UE ha speso 46,5 milioni di EUR per finanziare le operazioni di aiuto nel paese, aiutando oltre due milioni di persone. Il sostegno interessa questioni quali la preparazione e la risposta alle emergenze, il miglioramento della sicurezza alimentare e della salute, l’innalzamento dei livelli dell’alimentazione, oltre a fornire alloggi, impianti sanitari e acqua. Per quanto riguarda la siccità che colpisce attualmente la Somalia, nel 2017 l’UE ha erogato 78,5 milioni di EUR sotto forma di aiuti umanitari. La risposta complessiva dell’UE e degli Stati membri alla siccità in Somalia supera i 450 milioni di EUR.

Relazioni economiche

L’UE è impegnata ad aiutare la Somalia a sviluppare un’economia forte e sostenibile in grado di sostenere il paese nei processi di consolidamento dello stato e della pace. Le relazioni in questo settore sono informate al patto somalo, al processo derivato dal patto per gli stati fragili e al programma nazionale indicativo. Gli obiettivi, le priorità e le azioni sono inoltre strettamente collegati al piano di ripresa economica del governo somalo.

L’impegno dell’UE è quindi volto a rivitalizzare ed espandere l’economia somala con un‘attenzione al miglioramento delle condizioni di vita, alla creazione di posti di lavoro e alla promozione di una crescita inclusiva. Si darà un’attenzione particolare al miglioramento delle opportunità economiche per le donne e i giovani, garantendo loro un maggior accesso ad attività redditizie e generatrici di reddito.

Relazioni commerciali

L’UE non ha importanti scambi commerciali formali o diretti con la Somalia. I principali partner commerciali del paese sono gli Stati del Golfo e lo Yemen.

Per aiutare la Somalia a espandere i suoi orizzonti commerciali, è in corso di attuazione il programma nazionale indicativo dell’UE per incrementare la produttività nei settori dell’agricoltura, dell’allevamento e della pesca. Gli interventi del programma intendono altresì sostenere la crescita promuovendo il settore privato e commerciale in Somalia.

Fonte: Commissione Europea

Shortlink:

Condividere Articolo

Passare con il mouse sul banner e attendere che esca un elenco; cliccare poi sull'icona del social net che riteniamo più opportuno divulgare la notizia ed seguire la procedura richiesta.
Bookmark and Share
Posted by on 11/05/2017. Filed under ARCHIVIO, ECONOMIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

You must be logged in to post a comment Login