Cina, tesori artistici millenari: bloccata vendita estero

mogao-grottoes01

L’Amministrazione per il patrimonio culturale della Cina, ha chiesto alla casa d’aste giapponese Yokohama International Auction di bloccare la vendita di pitture murali provenienti dal famoso sito buddista di Dunhuang a risalenti alla Dinastia Tang (618-907), insieme a vari manoscritti, sostenendo che si tratterebbe di opere saccheggiate dall’archeologo nipponico Otani Kozui nel primo decennio del secolo scorso.

Otani Kozui è stato un archeologo e abate di un importante tempio buddista di Kyoto, il Nishi Honganji, che nel primo decennio del 1900 svolse una serie di spedizioni esplorative in Asia centrale alla ricerca dell’arte buddista.

Fonte: Quotidiano del Popolo.

Related posts