Burundi, Rischio genocidio: rapporto Onu

burundi_tortureLe violenze in Burundi sono scoppiate nell’aprile 2015 a seguito della decisione del presidente Pierre Nkurunziza per il suo terzo mandato, provocando, sino ad oggi, la morte di almeno 500 persone e la fuga dal paese di altre 250 mila. Il Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani sostiene che incombe un “rischio di genocidio”.

Il rapporto ONU elenca varie forme di tortura commesse dalle autorità, tra cui persone costrette a sedersi sull’acido e bruciate con fiamme ossidriche.

Fonte

Related posts