Atene si scopre razzista

Il cortile dell’ospedale Sotiria di Atene porta ai vari padiglioni e di sera è poco illuminato. Chirurgia è al primo piano. Per trovare Alì non c’è bisogno di chiedere al personale, basta seguire uno dei tanti ragazzi afghani che vanno a trovarlo. L’atmosfera nella stanza è carica di preoccupazione e Alì è ancora sofferente per le ferite riportate al torace e alla schiena e per l’emorragia interna che queste hano causato.

Shortlink:

Condividere Articolo

Passare con il mouse sul banner e attendere che esca un elenco; cliccare poi sull'icona del social net che riteniamo più opportuno divulgare la notizia ed seguire la procedura richiesta.
Bookmark and Share
Posted by on 13/10/2011. Filed under COOPERAZIONE. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

You must be logged in to post a comment Login