Antartico. Creazione santuario marino

Il piu’ grande santuario marino al mondo, destinato a proteggere la zona immacolata dell’Antartico, sta per essere creata in seguito ad un accordo siglato il 26 ottobre in Australia, dopo anni di negoziazione. Questo accordo, concluso nell’ambito della riunione annuale della Commissione per la conservazione della fauna e della flora marina dell’Antartico (CCAMLR) a Hobart, sull’isola della Tasmania, permettera’ la creazione di una zona protetta nel mare di Ross, un’immensa baia della costa del Pacifico, sotto giurisdizione della Nuova Zelanda.

Questo progetto e’ stato presentato dagli Usa e dalla Nuova Zelanda.
Il santuario si estendera’ su una superficie di piu’ di 1,55 milioni di chilometri quadrati, 1,2 milioni dei quai saranno vietati alla pesca, secondo il ministro degli Affari Esteri neozelandese, Murray McCully.

Alcune modificazioni sono state apportate al testo in modo che potesse essere approvato all’unanimita’ dai membri della commissione, ma “l’accordo finale tiene in equilibrio la protezione marina, la pesca durevole e gli interessi scientifici”, ha precisato McCully.

“Le frontiere dell’area marina protetta (AMP) restano comunque immodificate”,
La Russia era l’ultimo Paese ad opporsi al progetto, in virtu’ dei diritti di pesca. La Cina ha dato il suo sostegno nel 2015. Un secondo progetto, nell’agenda della riunione, portato dalla Francia e dall’Australia, non e’ stato approvato in tempo. Esso si estendeva su un’altra vasta zona marina di un milione di chilometri quadrati, nell’est dell’Antartico.

L’oceano Antartico, che rappresenta il 15% della superficie degli oceani, racchiude degli ecosistemi eccezionali, ricchi di piu’ di 10.000 specie uniche, in buona parte preservate dalla attivita’ umane ma minacciate dallo sviluppo della pesca e della navigazione.

ADUC

Related posts